CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

Le 4R di Chinandega

 

icona ambienteraccolta rifiutiGestione integrata e sostenibile dei rifiuti solidi urbani in sei municipi della zona nord di Chinandega

 

DOVE

Nicaragua, Dipartimento di Chinandega, Municipi di: Somotillo, Villa Nueva, Santo Tomás del Norte, San Francisco del Norte, San Pedro del Norte e San Juan de Cinco Pinos.

DURATA

Dal 1 febbraio 2011 al 31 dicembre 2013

 

CONTESTO

Il bacino del Rio Negro, situato nell'area transfrontaliera del Golfo di Fonseca, in cui si svolge l'azione, è il terzo bacino prioritario a livello di Centro America e il secondo più importante del Nicaragua. La futura costruzione di un grande porto commerciale nell'area avrà un forte impatto sulla produzione e sulla gestione dei residui solidi rischiando di ripercuotersi negativamente sulle comunità locali. Il progetto nasce e si sviluppa nel quadro del Piano di Sviluppo Integrale del Golfo di Fonseca (PIDET) promosso dal Programma Frontiere Aperte della Regione Lombardia nel quadro del progetto Fronteras Abiertas (2008-2010) realizzato dal CeSPI in collaborazione con l'Istituto Italo-Latino Americano (IILA) e finanziato dalla Cooperazione Italiana.
L'intervento, orientato all'applicazione delle cosiddette 4R (Riduzione, Riutilizzo, Riciclaggio e Recupero), si svolge in 6 municipi nella zona nord del Dipartimento di Chinandega riuniti nella Associazione AMUNORCHI e mira a promuovere una gestione integrata e sostenibile dei rifiuti solidi urbani.


 

OBIETTIVI

  • Migliorare le condizioni igienico sanitarie degli abitanti dei 6 municipi transfrontalieri della zona nord di Chinandega e realizzare un piano di gestione integrale dei rifiuti solidi.
  • Realizzare un piano di gestione integrale dei rifiuti solidi nei 6 municipi transfrontalieri della zona nord di Chinandega.

 

ATTIVITà

  • Realizzazione di uno studio per analizzare con metodologia partecipativa la situazione del sistema municipale di gestione rifiuti e redigere un piano integrato e sostenibile di gestione a livello intermunicipale. Particolare riguardo è rivolto allo studio del mercato dei materiali recuperabili e riciclati per creare nuove opportunità di lavoro tra la popolazione locale.
  • Organizzazione di modulo di formazione intensivo rivolto ai dipendenti e dirigenti delle municipalità con lo scopo di rafforzare le capacità di gestione rifiuti da parte delle istituzioni locali.
  • Realizzazione di visite di scambio grazie alle quali i tecnici delle Municipalità nicaraguensi coinvolte nel progetto hanno la possibilità di condividere esperienze nel settore dello smaltimento dei rifiuti con realtà europee e in particolare con la Regione Lombardia.

 

IMPATTO

Beneficiari diretti:
22.721 abitanti residenti della zona urbana e periurbana dei sei comuni coinvolti nell'intervento.


Beneficiari indiretti:
58.000 abitanti delle aree rurali e le 10.000 persone che annualmente visitano la zona (turisti, commercianti, ecc).


 

SOSTENIBILITà

Il piano di gestione integrata dei rifiuti prevede la creazione di una strategia di auto-sostenibilità economica, il perfezionamento del sistema tariffario e del processo di riscossione.
I tecnici comunali incaricati del servizio parteciperanno a un percorso formativo, all'interno del quale è prevista l'elaborazione del piano di gestione di ciascun municipio, con l'obiettivo di rafforzare le capacità tecniche locali e il processo di owernship.


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:
758.083 €

 

Finanziatore principale:
ue Commissione Europea

 

Altri finanziatori:

Regione Lombardia, IRER (Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia)

Partner:
Regione Lombardia
IRER (Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia)
AMUNORCHI (Associazione dei 6 comuni coinvolti)

 

oltre al progetto


>>> Tutela ambientale: le 5 R virtuose di Chinandega in Nicaragua