CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

Giornata Mondiale dell'Alimentazione e il futuro delle migrazioni

progetto ripartire restando

"Cambiamo il futuro delle migrazioni. Investiamo nella sicurezza alimentare e nello sviluppo rurale"

Questo è lo slogan della Giornata Mondiale dell'Alimentazione 2017 che si celebra il 16 ottobre di ogni anno.

ACRA si sta impegnando in questa direzione con numerosi interventi volti a promuovere l’agricoltura sostenibile e a supportare l'avvio di attività economiche come alternative alle migrazioni.

 

banner 16 ottobre 2017Tra le numerose iniziative promosse in questo ultimo anno ci piace segnalare il progetto Ripartire restando, realizzato in collaborazione con la ong Mani Tese, grazie al sostegno dell’AICS (Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo) e nato con l’obiettivo di trovare alternative occupazionali in ambito agricolo.

 

banner Ripartire restando

 

Da sempre ACRA è impegnata a realizzare, nei paesi in cui opera, numerosi interventi volti a migliorare l’alimentazione e a promuovere l’agricoltura sostenibile in una logica di sovranità alimentare. Dai microjardin di Dakar, metodi complementari e innovativi di agricoltura urbana, al sostegno alle filiere agroecologiche in Burkina Faso, alla promozione della catena integrata del cacao in Ecuador e alla filiera della quinoa in Bolivia, alle banche dei cereali in Ciad quali strumenti per lo stoccaggio dei prodotti agricoli, fino alle azioni di sensibilizzazione sulle politiche alimentari e sulle tematiche legate al diritto al cibo in Europa.
Il progetto Ripartire restando, realizzato nel quadro del Programma regionale “Migrazioni emergenza” è nato con l’obiettivo di trovare alternative occupazionali in loco e contribuire in questo modo al contenimento del fenomeno migratorio per tremila membri di 32 associazioni giovanili della regione di Kolda in Senegal e di Gabu in Guinea Bissau.

01048 16ott17 foto1 seneme

Nello specifico nei due paesi sono stati creati dei GIE (gruppi di interesse economico) attivi nel settore agricolo e avicolo. Sono stati sviluppati moduli formativi per rafforzare competenze e capacità tecniche nonché di leadership interna ai gruppi, privilegiando la partecipazione femminile. Nella componente agricola delle formazioni sono state promosse attività orticole, avicole, di trasformazione di cereali e pomodoro, è stata installata un’unità di trasformazione di neré (pianta locale utilizzata a scopo alimentare) e sono state stimolate le basic business skills e le capacità di commercializzazione dei prodotti per fornire sostenibilità economia alle filiere agricole.

 


incontro comunitario progetto ripartire restandoIl progetto ha permesso a molti giovani di produrre, vendere, guadagnare e rendersi conto concretamente e in prima persona delle possibili alternative alle migrazioni.

Le iniziative di informazione e sensibilizzazione, con trasmissioni radiofoniche durante le quali sono state raccontate le storie di chi riesce a ‘ripartire restando’, hanno permesso inoltre di diffondere i risultati del progetto e di stimolare altre associazioni giovanili a immaginare di progettare il proprio futuro nel paese d’origine, a partire dalla valorizzazione delle risorse locali.

 

 

 

 

 


>>> Scopri tutto sul progetto Ripartire restando

>>> scopri le iniziative promosse dalla FAO nella giornata dell'alimentazione

 

Leggi le altre news DI ACRA

 

.