CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

25 maggio 1968-2018: mettici il cuore, come fa ACRA da 50 anni

01055 art 50anni

Il 25 maggio, ACRA compie i suoi primi 50 ANNI.
Vogliamo festeggiare questo traguardo con chi ci è accanto e crede nel nostro lavoro!

La storia di ACRA è il frutto di un sogno che è diventato realtà.
Il sogno di sei ragazze e ragazzi che nel 1968 sono partiti per il Ciad, alla volta dell’area rurale e isolata di Borom, realizzando la propria idea di cambiamento per l’affermazione dei valori di libertà, partecipazione e giustizia sociale, perché “mentre gli altri andavano sulla luna, noi andavamo al villaggio” (Julius Nyerere)

 

 

banner 50anni metticicuore

Festeggia con noi il compleanno di ACRA
e aiutaci ad arrivare ancora più lontano...

ACRA ha organizzato una serie di iniziative per il suo cinquantesimo compleanno, a partire dalla campagna web e social

"Mettici il cuore"

per raccontare, durante tutto l’anno, le sue storie e chiedere a suoi sostenitori di metterci il cuore, come fa ACRA ogni giorno, da cinquant’anni.

Disegna un 50 con il cuore sulla tua mano,
postalo sui tuoi social, menziona acra
e invita i tuoi amici a farlo

#acra50


Per caso o per destino, la data di fondazione di ACRA racconta già un po’ della sua storia. Il 25 maggio infatti si celebra anche la Giornata Mondiale dell’Africa, in ricordo della firma dello statuto dell'Organizzazione dell'Unità Africana da parte dei primi 30 stati Africani Indipendenti, avvenuta lo stesso giorno del 1963.

01055 volontari ACRA borom 01055 cartello Borom

I 6 primi volontari in Ciad. Da sinistra: Giovanna, Giovani, Giuliano, Angela, Antonio, Nannni. A destra: il cartello di ACRA a Borom nel 1968

 

La scelta di questi ragazzi era ispirata al pensiero del missionario gesuita Padre Angelo Gherardi, che per primo intuì la necessità di un nuovo modo di fare volontariato - attraverso team autonomi dalle missioni e che promuovessero progetti di sviluppo integrato e locale.

Nasceva così ACRA (Associazione di Cooperazione Rurale in Africa, ora Fondazione ACRA), organizzazione laica e autofinanziata da privati e gruppi d’appoggio attraverso raccolta di fondi tra parenti, amici e persone simpatizzanti del sindacato CISL. Dal 1973 ACRA è stata riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri come ONG idonea a realizzare progetti di cooperazione internazionale.

 

In mezzo secolo di storia, ACRA è cresciuta GRAZIE a TUTTI coloro che l'hanno sostenuta:

 

  • Dal Ciad a 14 paesi in Africa, Asia, America Latina ed Europa.
  • Da 6 volontari a 270 persone che operano in Italia e nei Paesi in via di sviluppo.
  • Dagli abitanti di un piccolo villaggio a più di 400mila beneficiari l’anno.
  • Dal primo progetto di sviluppo rurale a interventi per l’accesso a cibo, educazione, acqua, energia di qualità; per la promozione dell’impresa sociale, talenti locali, integrazione e dialogo interculturale.
  • Dall’autofinanziamento a programmi pluriennali con partner istituzionali, internazionali e locali.

 


 
Acra invita tutti a partecipare a un evento legato alle origini:

il 25 maggio a Milano al Centro San Fedele, ore 18.00

insieme all’associazione Amici di Goundi, verrà presentata la biografia di Padre Angelo Gherardi. Il fondatore morale di ACRA, oggi ottantatreenne e da 60 anni in Ciad, racconterà con la sua voce da protagonista gli anni di impegno accanto alla popolazione ciadiana.

 

>>> Per saperne di più sull'evento del 25 maggio 2018 e sui prossimi incontri

bollino 5x1000 def

 

Leggi le altre news DI ACRA

 

.