CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

Quando l'acqua fa goal: un torneo di calcio speciale in Senegal

torneo calcio senegalNiamone 2, Tobor 1. La cronaca calcistica è essenziale e spietata: vince chi segna di più. Il Niamone vince la finale del torneo tra le scuole elementari del distretto di Tenghory, in Casamance, Senegal. Il Tobor ha perso.

Ma invece in campo vedi due squadre di giovani atleti che ce la stanno mettendo tutta per vincere la coppa in palio.

Vedi la polvere che si alza dietro la corsa del centravanti. Vedi il sudore affannato del terzino che insegue l'avversario al limite dell'area di rigore. Vedi le storie di questi ragazzi che sono le storie dei ragazzi di tutto il mondo. E capisci che non ha perso nessuno.

Al fischio finale dell'arbitro la squadra di Niamone esulta felice, i ragazzi si abbracciano e festeggiano. Vedi quelli del Tobor che si guardano delusi e impolverati. Ma alla fine tutti corrono alla fontana per bere, scambiarsi le ultime battute prima di andare a casa, prendersi in giro. E ti sembra ieri che eri tu a cercare di bere quanta più acqua possibile prima di lasciare il posto ai compagni accaldati che ti spintonavano via.

L'acqua una risorsa preziosa...

In quest'area del Senegal, ancora si muore per malattie legate all'acqua contaminata. Per mancanza di fonti d'acqua potabile e sicura. Per mancanza di servizi igienici essenziali. Per mancanza di acqua che vuol dire mancanza di igiene. E quando non si muore si corre costantemente il rischio di ammalarsi. Che vuol dire non poter frequentare la scuola o non poter andare a lavorare.

L'accesso all'acqua potabile è una delle chiavi fondamentali dello sviluppo umano. Per questo ACRA in collaborazione con il governo senegalese (Ministero dell'Idraulica) ha pianificato un programma di intervento pluriennale che riunisce più progetti e finanziatori intorno a un obiettivo ambizioso: portare acqua potabile e servizi igienici di base a oltre 60mila persone in Casamance.

Il programma di ACRA

Il programma avviato nel 2006 nella comunità di Coubalan terminerà nel 2015, anno di scadenza degli Obiettivi del Millennio, e attualmente ha già raggiunto oltre 26mila beneficiari. Ma costruire strutture e servizi non vuol dire incidere automaticamente sul problema. L'attività di informazione e sensibilizzazione è indispensabile per cambiare il comportamento delle persone. Con un esempio banale, le prime cinture di sicurezza sulle automobili in Italia sono comparse negli anni '70, ma quanto tempo è passato prima che fosse normale allacciarle prima di mettersi in marcia?


torneo3


In questo senso i giovani sono fondamentali, perché rappresentano la categoria di persone più ricettiva e pronta a cambiare abitudini e farsi promotori di una nuova normalità. Soprattutto quando li si approccia con linguaggi e iniziative adatte a coinvolgerli e farli diventare attori protagonisti della vita della comunità. Il torneo di calcio del distretto di Tenghory è stato infatti l'occasione per coinvolgere tutti i ragazzi delle scuole e i loro genitori e far conoscere loro i rischi che si corrono nel bere acqua non potabile e non rispettando le norme igieniche di base.

La coppa e i premi di consolazione ricevuti da tutti i ragazzi saranno il ricordo di una bellissima giornata di sport e di festa, ma anche un modo per ricordare l'importanza dell'acqua e del suo corretto utilizzo.

Intorno alla fontana ora giocano i bimbi più piccoli... il Senegal che verrà.

Matteo Ippolito, redazione ACRA