CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

La scuola professionale di Njombe nel racconto di Bruno Cera

00149 njombe"Nel cuore dell'Africa è nato un fiore e Bassano lo sta innaffiando perché dia frutto. Il fiore è la Scuola professionale di Njombe, Tanzania del sudovest; il frutto, straordinario per queste latitudini, sarà la formazione

di una leva di agricoltori, allevatori, muratori, falegnami qualificati in grado di costruire un futuro per sé, la propria famiglia, la comunità, capaci di interpretare e sostenere lo sviluppo dell'area, a lungo rimasta ai margini del Paese, ma che da alcuni anni ha cambiato marcia, tanto che recentemente è diventata provincia. La scuola poi ha un piano ambizioso: autofinanziarsi con la vendita dei propri prodotti agricoli, zootecnici e artiginali".

Inizia così l'articolo di Bruno Cera, giornalista de Il Gazzettino, che dopo una settimana passata "sul campo" ha raccontato in un bellissimo articolo l'esperienza della scuola professionale di Njombe, in Tanzania.


PDF Leggi l'articolo su Il Gazzetino

Il politecnico di Njombe rappresenta un modello educativo del tutto innovativo che punta ad una scuola finanziariamente autonoma grazie ai proventi delle attività previste dal curricola scolastici. Le diverse classi di attività si confronteranno infatti con il territorio e daranno vita a delle vere e proprie imprese capaci di garantire un'esperienza formativa completa e proventi per coprire i costi della scuola. Carpentieri, muratori, elettricisti, idraulici, contadini, allevatori... ma anche negozi, un ristorante, un piccolo albergo!

Per questa sfida, ACRA si è avvalsa dell'esperienza e dell'energia di realtà diverse che si sono strette intorno a questa grande sfida. Da una parte la Fundación Paraguaya che applica e promuove il modello delle scuole autosostenibili in Paraguai e nel mondo con grandissimo successo. Dall'altra la diocesi locale e due associazioni (Nessuno escluso e African Ways) che daranno corpo a questo modello.


 

Condividi su Facebook