CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

Radici: su RAI 3, quattro documentari per capire l'emigrazione

00288 bimba pozzoDa Lunedì 14 giugno. RAI 3. Ore 23,00


 

Quando parliamo di migrazione, lo sguardo verso il paese d'origine di chi lo ha lasciato ed oggi vive nelle nostre città è spesso distorto, subito ricollegato a immagini quali povertà, fame o guerre. Molto spesso però questi paesi sono molto lontani dai nostri immaginari.

Da questo presupposto nasce la collaborazione del progetto "Parlez-vous global?" con "Radici", trasmissione televisiva di Rai 3, che racconterà 4 di questi paesi Ecuador, Burkina Faso, Cina e Senegal atrraverso la voce di 4 donne che sono emigrate dal loro paese d'origine per venire in Italia, e che accompagnate dai registi Alessandro Rocca e Davide De MIchelis ci porteranno a scoprire quanto il fenomeno migratorio abbia cambiato la realtà di molti paesi, non solo il nostro.

Le puntate andranno in onda a partire da venerdi 14 giugno alle ore 23.00 e proseguiranno per 4 puntate. Per raccontare il Senegal i due registi hanno scelto Coumbaly Diaw, membra dell'associazione Stretta di Mano che da ormai diversi anni collabora con ACRA in progetti di cooperazione e cosviluppo tra Italia e Senegal

“Le immigrate, parlando italiano – dice Davide Demichelis - comunicano direttamente al pubblico l'emozione di ritrovarsi immerse nelle loro origini, ma descrivono anche in prima persona le difficoltà che le hanno spinte a lasciare il loro Paese per venire in Italia. Lo sguardo attento e critico di queste persone ci offre un punto di vista originale, una prospettiva nuova nella scoperta di queste terre lontane e soprattutto delle origini di molti nostri concittadini. Da questi Paesi infatti, proviene poco meno di un decimo della popolazione italiana”.


Radici è un programma realizzato anche grazie al contributo del progetto "Parlez-vous global?" che, grazie al finanziamento dell'Unione Europea e di Fondazioni 4 Africa, mira a ad accrescere le competenze di insegnanti e studenti della scuola secondaria in Europa in rapporto alle problematiche dello sviluppo globale, attraverso l'integrazione delle tematiche della migrazione e della cittadinanza mondiale (ECM) nei curricola scolastici, per mezzo di metodologie partecipative e di scambio tra paesi europei ed africani.

 

Condividi su Facebook