CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

semi rurali

 

icona cibo itasem 1Buone pratiche in agricoltura sostenibile e sovranità alimentare: sviluppo di un approccio inclusivo nella lotta contro la povertà

 

DOVE

Italia, Francia, Scozia, Romania, Ungheria, Senegal e Tunisia

 

DURATA

Dal 1 gennaio 2010 al 31 dicembre 2012

 

CONTESTO

La valorizzazione della biodiversità e dell'uso sostenibile delle risorse naturali è una questione centrale per il futuro delle sementi contadine. Sia in Europa che nel Sud, un numero consistente di esperienze in agricoltura famigliare e di piccola scala contribuiscono alla preservazione della biodiversità coltivata. Basate su di una prospettiva di sovranità alimentare, queste esperienze sono caratterizzate dalla gestione sostenibile delle risorse naturali, conservazione e scambio delle sementi, valorizzazione delle conoscenze contadine e filiera corta, così da garantire un efficienza sociale ed economica nel quadro di uno sviluppo rurale sostenibile e partecipato.
Il progetto, quindi, ha l'obiettivo di mobilitare una rete operativa multistakeholder per un'appropriata implementazione in Europa e in Africa del Trattato Internazionale sulle Risorse Genetiche per l'Alimentazione e l'Agricoltura (ITPGRFA), attraverso la promozione di modelli agricoli di piccola scala e agro-ecologici.


 

OBIETTIVI

  • Mobilitare una rete operativa tra diversi attori per una corretta implementazione dell'ITPGRFA, attraverso la promozione di modelli di agricoltura ecologica e famigliare sia nelle strategie alimentari dell'UE che nelle politiche di cooperazione in Africa.

 

ATTIVITà

  • Realizzate e pubblicate attività di Ricerca-Azione nei 7 paesi coinvolti nel progetto (Italia, Francia, Scozia, Romania, Ungheria, Senegal e Tunisia). Le ricerche riguardano le buone pratiche sull'implementazione dell'articolo 6 del Trattato, ovvero sul ruolo degli agricoltori nella conservazione e selezione delle risorse genetiche agricole.
  • Nell'ambito della Settimana della Biodiversità, ACRA ha collaborato alla realizzazione e alla promozione del VII Festival Audiovisivo della biodiversità organizzato dal Centro Internazionale Crocevia a Roma, dal 20 al 23 maggio 2010.
  • E' stata organizzata la partecipazione 6° e al 7° Forum Europeo Let's Liberate Diversity, incontro che raduna agricoltori e associazioni che operano sul tema della biodiversità agricola in Europa; nel 2011 l'evento è stato ospitato in Ungheria (24 -26 febbraio); la 7° edizione dell'evento è stata ospitata in Scozia. I diritti dei contadini in relazione alla conservazione, all'uso sostenibile e allo sviluppo della biodiversità dei raccolti e delle varietà animali allevate (principi riconosciuti dal Trattato Internazionale sulle Risorse Genetiche Vegetali per l'Alimentazione e l'Agricoltura).
  • Nell'ambito delle iniziative estese durante la Giornata Mondiale dell'Alimentazione (16 ottobre), ACRA ha organizzato e realizzato l'evento tematico Kuminda - Per il diritto al cibo (edizioni 2011 e 2012).
  • Sono stati realizzati dei seminari curriculari presso l'Università degli Studi di Milano e l'Università del Molise, in collaborazione con la FAO.
  • I partner hanno partecipato, nell'ambito delle attività istituzionali e di disseminazione dei risultati di progetto, ad un tavolo di lavoro FAO nel contesto del Civil Society Mechanism del Commettee on Food Security sulla questioni legate alle risorse genetiche in agricoltura.

 

IMPATTO

Beneficiari:

  • reti di organizzazioni di agricoltori e suoi membri nei 5 paesi europei e nei 2 paesi africani coinvolti;
  • studenti e giovani leader dai 5 paesi europei;
  • piattaforme e reti di organizzazioni delle società civile e Ong che trattano con il diritto al cibo, la sicurezza alimentare e lo sviluppo agricolo a livello nazionale ed europeo;
  • media locali e nazionali (TV, radio, stampa, web) per la diffusione verso i cittadini europei;
  • istituzioni a livello locale, nazionale e europeo.

 


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:
1.332.771 €

 

Finanziatore principale:
ue itaeif  Commissione Europea

Partner:

  • Centro Internazionale Crocevia – CIC
  • Biodiversity Exchange and Diffusion of Experiences (BEDE)
  • Scottish Crofting Foundation
  • Clubul Ecologic Transilvania
  • Protect the Future (Vedegylet)
  • Association pour le Developpement Durable Médenine – ADD
  • Kalounayes pour le Développement Economique et Social – KDES
Altri enti coinvolti:
  • Rete Semi Rurali Italia
  • Rete Semi Rurali Francia
  • REMADEL- rete Maghrebina per lo sviluppo
  • Bioversity International
  • International Planning Committee for Food Sovereignty (IPC)
  • Fondazione Bioparco di Roma
  • Università di Pisa
  • Università degli studi di Milano- Dipartimento di Produzione Vegetale – Facoltà di Agraria
  • Secretary of the International Treaty on Plant Genetic Resourches for Food And Agriculture (ITPGRFA)

 

 

oltre al progetto


>>> Scopri la campagna di "Scegli la diversità!" di ACRA

>>> Guarda il video del trattato International Treaty on Plant Genetic Resources for Food and Agriculture

>>> Scopri il dossier "Liberiamo la diversità" su Altreconomia.it 

>>> Scopri il sito dedicato al Trattato ITPGRFA

>>> Leggi l'articolo "Liberiamo la diversità: diritti contadini e biodiversità" su lifegate.it

>>> Let's Liberate Diversity - Scotland 2012

>>> Leggi l'articolo "La diversità nei campi è la ricchezza dell'agricoltura" su Altreconomia.it