CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

Pakistan: massacro tra i banchi di scuola

Taliban Militants Attack Pakistan School

Peshawar, capitale della provincia nord occidentale del Pakistan, ai confini con l'Afghanistan.

I guerriglieri islamisti del Tehreek-e-Taleban irrompono nel college militare di Warsak Road e massacrano 141 studenti (132 tra i 6 e i 17 anni) e i loro insegnanti e lasciano sul terreno centinaia di feriti. "E’ uno dei giorni più bui della storia dell’umanità", sottolinea l’attivista indiano Satyarthi, premio Nobel per la pace 2014 insieme alla pakistana Malala che parla di “atto di terrorismo assurdo e spietato”.

I bambini sono sempre più vittime e ostaggi delle rappresaglie degli jihadisti che li individuano come obiettivo al fine di creare orrore e intimidazione nell’opinione pubblica internazionale. Il diritto all'educazione è pesantemente sotto attacco da tempo, per molti bambini e soprattutto bambine frequentare una scuola significa mettere a repentaglio la vita e l'incolumità fisica e psicologica.

Non possiamo dimenticarci le oltre 200 studentesse rapite da Boko Haram in Nigeria e le decine di baby-soldati di origine kazaka addestrate da Isis. Secondo la strategia del califfato i bambini devono essere preparati per diventare gli jihadisti del futuro, e le giovani donne rapite devono procreare i figli per lo Stato Islamico.

Taliban e gruppi affini considerano l'educazione un ostacolo per realizzare i loro piani criminali, proibiscono la scolarizzazione delle bambine, vietano qualunque tipo di insegnamento e approccio culturale al di fuori della sharia.

ACRA intende sottolineare l’importanza di rafforzare tutte le iniziative a sostegno del diritto all'educazione come autentica prevenzione per garantire un futuro di scuole sicure e aperte a bambini e bambine, libertà e autonomia di pensiero.


Leggi le altre news DI ACRA


bollino dona