CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Iscriviti alla NEWSLETTER

foresteria comunitaria

 

ico ambiente internahoncli 1La Forestería comunitaria come modello di sviluppo integrato per affrontare le sfide del cambiamento climatico

 

DOVE

Honduras, Dipartimento di Yoro e Noreste de Olancho

DURATA

Dal 20 luglio 2016

 

 

CONTESTO

L’Honduras è al mondo tra i paesi più vulnerabili agli effetti del cambiamento climatico. L’Unione Europea sta investendo nel paese importanti risorse per ridurne gli effetti e aumentare la resilienza delle comunità. Il progetto si colloca nell’ambito del programma UE di Adattamento al Cambiamento Climatico nel Settore Forestale (CLIFOR) e ha lo scopo di incentivare la forestería comunitaria quale modello in cui la comunità locale ha un ruolo di primo piano nella gestione forestale e nelle decisioni che riguardano l’uso del suolo.
La forestería comunitaria è un sistema organizzativo concepito per vivere con e delle risorse del bosco, gestendolo in forma sostenibile, mitigando di conseguenza gli effetti e i rischi connessi al riscaldamento globale.
ACRA, in consorzio con l’Università pubblica di Honduras (UNAH) e con la partecipazione delle comunità locali, depositarie dei “saperi” tradizionali sul bosco, sta realizzando attività che hanno l’obiettivo di promuovere processi di ricerca applicata e, allo stesso tempo, di migliorare l’offerta didattica della facoltà d’ingegneria forestale. I temi affrontati sono il miglioramento dei sistemi produttivi agroforestali, la riduzione dell’incidenza delle malattie e dei parassiti che affliggono l’ecosistema forestale e l’identificazione di strumenti semplici e chiari per il monitoraggio del clima.


 

OBIETTIVI

  • Generale: contribuire allo sviluppo umano integrato della popolazione honduregna di fronte alle sfide derivanti dal cambiamento climatico.
  • Specifico: rafforzare la gestione e lo sviluppo di processi tecnico-scientifici che includano comunità locali, settore pubblico, settore privato e università per l’applicazione dei principi della forestería comunitaria come strumento di adattamento al cambiamento climatico.

 

ATTIVITà

  • Organizzazione di spazi comunitari e municipali di analisi e discussione delle problematiche collegate al cambiamento climatico
  • Realizzazione di forum tematici sul cambiamento climatico
  • Elaborazione e diffusione di una campagna di sensibilizzazione
  • Implementazione di 3 progetti di ricerca applicata: uno sul miglioramento dei sistemi produttivi agroforestali; un secondo studio sull’istallazione e diffusione di strumenti per il monitoraggio del clima; un terzo volto a prevenire l’incidenza e la diffusione di malattie e infestazioni forestali.
  • Organizzazione, insieme agli attori locali, di un corso professionale sul cambiamento climatico.
  • Miglioramento dell’offerta didattica della facoltà d’ingegneria forestale dell’Università UNAH-CURLA

 

IMPATTO

Beneficiari diretti:

  • 5.420 persone tra tecnici municipali, rappresentanti di gruppi agroforestali, leader comunitari, comitati per l’acqua, produttori locali. Inoltre beneficeranno del progetto gli studenti della facoltà d’ingegneria forestale, della corso di specializzazione in “forestería comunitaria” e in cambiamento climatico.

Beneficiari indiretti: la popolazione dei tre comuni d’intervento, circa 45.000 persone.


 

sostenibilità

La presenza dell’Università quale capofila dell’azione garantisce la sostenibilità delle attività nel tempo. Si promuoveranno e incentiveranno vincoli e scambi tra accademia e comunità che permetteranno un flusso continuo di informazioni tra tutti gli attori coinvolti. I produttori e le organizzazioni locali saranno favoriti dall’introduzione di nuove tecnologie a basso costo che miglioreranno la resilienza comunitaria agli effetti del cambiamento climatico; allo stesso tempo l’Università inserirà nei piani di studio le buone pratiche comunitarie valorizzando il sapere tradizionale e restituendogli una rilevanza scientifica.

 


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:
315.0000 €

 

Finanziatore principale:
ue   Commissione Europea

attraverso il programma CLIFOR (Programa Adaptación al Cambio Climático en el Sector Forestal)

Partner:
Universidad Nacional Autónoma de Honduras (UNAH) – CURLA (capofila)
ACRA

 

Altri enti coinvolti:

Ministero dell'Ambiente Honduregno

 

 

oltre al progetto


>>> Scopri il Programma CLIFOR


 

Guarda il video dell'inaugurazione del corso di specializzazione

in "Foresteria Comunitaria" dell’Università UNAH-CURLA

     

 

 

 


acqua e governance

 

icona acqua acquaCooperazione nelle politiche pubbliche locali tra Europa e America Centrale per un miglioramento della governance e della gestione integrata delle risorse idriche

 

DOVE

Nicaragua,Dipartimento di Rio San Juan, Municipio di San Carlos

Honduras, Dipartimento di La Paz, Municipio di Marcala

 

DURATA

Dal 15 gennaio 2013 al 15 gennaio 2016

 

CONTESTO

ACRA partecipa a questo intervento come partner di Waterschap Noorderzijlvest, ONG olandese, capofila dell'azione. Principale scopo dell'iniziativa è rafforzare le capacità dei funzionari municipali e delle autorità competenti nella governance e nella gestione delle risorse idriche tramite un processo di formazione, fornendo uno strumento strategico di pianificazione delle risorse idriche efficace e il consolidamento dei meccanismi di collaborazione tra i vari enti coinvolti attraverso lo scambio di esperienze tra omologhi e tra comuni centroamericani ed europei. La sensibilizzazione e promozione dell'uso dell'acqua tra la popolazione è un altro tema sul quale l'azione si focalizza in modo da creare un consumo più responsabile delle risorse idriche.


 

OBIETTIVI

Contribuire allo sviluppo della Good Governance municipale e il rafforzamento delle competenze dei municipi di San Carlos (Nicaragua) e Marcala (Honduras) nell'area della gestione integrale delle risorse idriche dei due municipi, con una particolare attenzione nei micro-bacini.


 

ATTIVITà

  • Attualizzazione degli studi cartografici e idrici dei municipi e realizzazione di studi complementari in materia idrica.
  • Definizione di un Piano di Gestione delle Risorse Idriche (PGRI).
  • Percorso di formazione con diploma per i funzionari municipali vincolato ai risultati di miglioramento della gestione municipale integrata delle risorse idriche.
  • Installazione di un sistema di monitoraggio e tracciamento della gestione, quantità e qualità delle risorse.
  • Corso in Sistema Informativo Geografico (SIG) applicato alla gestione delle risorse idriche.
  • Equipaggiamento dell'Unità Ambientale per l'implementazione del PGRI.
  • Formare l'Organizzazione di Bacino, i comitati di sub-bacini e micro-bacini, quali organismi di coordinamento per la governance delle risorse idriche.
  • Scambi di esperienze in materia di governance idrica con Olanda, Spagna e le altre città gemelle.
  • Promuovere una campagna di sensibilizzazione nell'uso razionale e sostenibile delle risorse idriche.

 

IMPATTO

Beneficiari diretti:
circa 58.000 ca. dei due municipi d'intervento, 30 funzionari municipali di San Carlos e Marcala e 30 funzionari delle autorità competenti in materia di gestione e pianificazione delle risorse idriche.

Beneficiari indiretti:
300.000 persone dei municipi della valle del fiume San Juan (Nicaragua e Costa Rica) e 150.000 persone della valle del fiume El Chiflador (Honduras).


 

 

SOSTENIBILITà

Le municipalità coinvolte nel progetto potranno contare su uno strumento tecnico di alto livello di affidabilità derivato dagli studi compiuti sul campo, oltre che di personale qualificato grazie a un processo di formazione continuativo. Le fonti idriche saranno costantemente monitorate grazie ad appositi uffici previsti dal PGRI. Tali uffici, una volta concluso il progetto, verranno istituzionalizzati in modo da garantire la loro operatività in futuro. Inoltre, grazie al processo di formazione, i funzionari avranno assunto le competenze e gli strumenti necessari per elaborare ulteriori progetti, in modo da poter accedere, anche in futuro, a nuovi finanziamenti per il proprio territorio.
Attraverso questa esperienza pilota si vuole contribuire all'istituzione a livello nazionale di modelli efficaci e duraturi di gestione delle risorse idriche.
Infine, grazie alla campagna di sensibilizzazione,  la popolazione prenderà coscienza su temi quali il consumo d'acqua, l'importanza della pianificazione idrica, la necessità di modificare i propri stili di vita di fronte alle priorità individuate, contribuendo in questo modo allo sviluppo di una cultura di prevenzione e conservazione delle risorse idriche.


 

Guarda uno dei video girati da ACRA a sostegno della campagna For a Glass of Water

 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:
700.000 €

 

Finanziatore principale:
ue   Commissione Europea

Partner:
Waterschap Noorderzijlvest (capofila)
ACRA
Alcaldía Municipal de San Carlos
Alcaldía Municipal de Marcala
ASODELCO
Euskal Fondoa
Autoridad Nacional del Agua (ANA)

 

 


 

oltre al progetto


>>> Guarda il video del progetto

>>> ACRA aderisce alla campagna For a Glass of Water

>>> FaGoW Join Us!


 

governance forestale

 

ico ambiente internaforestaPromozione della governace forestale nella Mancomunidad dei Municipi del Centro di La Paz - MAMCEPAZ

 

DOVE

Honduras, Dipartimento di La Paz, municipi di Marcala, San José, Chinacla, San Pedro di Tutule, Santa Maria, Cane, Santiago Puringla e La Paz.

 

DURATA

Dal 1 giugno 2014 al 30 giugno 2016

 

CONTESTO

La zona d’intervento del  progetto, rappresentata da 8 municipi riuniti in una “mancomunidad”, è ubicata in un’area forestale con grande potenziale idrico in cui da alcuni anni è in atto una progressiva ed incontrollata deforestazione che sta mettendo seriamente a rischio le numerose fonti d’acqua presenti nella zona, minandone progressivamente la portata e la qualità. Il processo di deforestazione in atto ha cause molteplici e complesse, le quali vanno ricercate, anche se non esclusivamente, nell’avanzamento della frontiera agricola dovuto all’incontrollata espansione della coltivazione del caffé, nell’assenza di una pianificazione territoriale e della relativa regolamentazione, nella debolezza delle istituzioni locali competenti in materia e soprattutto nella scarsa sensibilizzazione ambientale della popolazione nel suo complesso. 


 

OBIETTIVI

  • Contribuire al potenziamento della Governance  forestale dei municipi del Dipartimento di La Paz, rafforzando le capacità tecniche nell’ambito della gestione sostenibile e partecipativa delle risorse naturali, con particolare attenzione alla conservazione delle risorse forestali e idriche.
  • Incentivare, in generale, la conservazione, il recupero e la gestione sostenibile delle risorse ambientali nel territorio

 

ATTIVITà

  • Corsi di formazione al personale tecnico dell’UTI (Unità Tecnica Intermunicipale), ai coordinatori dell’UMA (Unità Municipale Ambientale) e a tecnici municipali.
  • Equipaggiamento e dotazione logistica alle Unità Ambientali per il loro funzionamento.
  • Attivazione ed equipaggiamento di 8 gruppi di guardie forestali.
  • Scambi di esperienze a livello nazionale e regionale in materia di ordinamento territoriale con focus su zone di micro-bacini e sub-bacini.
  • Elaborazione di un Piano di Ordinamento Territoriale (POT) nei municipi di MAMCEPAZ.
  • Identificazione e priorizzazione delle azioni contemplate nel POT.
  • Realizzazione di azioni pilota per la protezione dei sub-bacini e micro-bacini.
  • Creazione e rafforzamento di comitati locali di sub-bacini e micro-bacini.
  • Promozione di una campagna di sensibilizzazione nell’uso razionale delle risorse e conservazione ambientale.
  • Creazione, organizzazione e formazione del Consiglio Consultivo Forestale a livello locale e municipale, quale organismo di coordinamento della gestione delle risorse naturali.
  • Installazione di un sistema di monitoraggio forestale indipendente.
  • Esecuzione di un'esperienza pilota di “pagamenti per servizi ambientali”.
  • Implementazione dei sistemi agroforestali in parcelle di caffé coltivate nelle zone di approvvigionamento idrico. 

 

IMPATTO

Beneficiari diretti:

  • 4.000 abitanti degli 8 municipi (16 tecnici municipali, 3 tecnici della mancomunidad, 8 tecnici municipali ambientali, 40 volontari guarda-boschi, 40 membri dei Consejos Consultivos Forestales (CCF), 3.800 membri delle Giunte di Acqua, 93 membri dei comitati di bacino).

Beneficiari indiretti: i 116.799 abitanti degli 8 municipi che compongono la Mamcepaz.


 

sostenibilità

ACRA è partner del progetto, in consorzio con Mamcepaz, organizzazione composta da 8 municipi. La circostanza di lavorare direttamente con le corporazioni municipali garantisce la sostenibilità politica degli interventi, in quanto i policy maker della zona sono gli attori coinvolti direttamente in ogni attività proposta. Allo stesso tempo, ogni azione viene condivisa con le istituzioni competenti in materia, nell’ottica di stabilire le basi per uno sviluppo sostenibile nel lungo periodo. I POT (Piani di Ordinamento Territoriale) elaborati, per esempio, avranno una prospettiva di 20 anni e costituiranno lo strumento guida per la pianificazione di ogni municipio coinvolto. Durante i due anni di progetto si lavorerà anche alla fima di accordi con la Mamcepaz per stabilire impegni finanziari precisi al fine di garantire continuità nel tempo alle azioni proposte. Infine il lavoro di sensibilizzazione e formazione che si realizzerà a livello comunitario garantirà che la società civile si appropri delle tematiche proposte e possa in futuro vigilare sulla gestione delle risorse naturali della zona.


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:
461.879,55 €

 

Finanziatore principale:
ue   Commissione Europea

attraverso il progetto MOSEF (Modernización del Sector Forestal de Honduras)

Partner:
Mamcepaz, Mancomunidad dei Municipi del centro di La Paz (capofila)
ACRA

 

Altri enti coinvolti:

ICF (Istituto per la Conservazione delle Risorse Forestali)

 

 

oltre al progetto


>>> al momento non ci sono altri contenuti disponibili

 


REALSAN 2: un ponte tra centroamerica e lombardia

 

ico cibo internamulmil EXPO 2015 per la sicurezza alimentare e nutrizionale delle comunità locali: implementazione di un piano di azione condiviso tra Lombardia e Centro America

 

DOVE

Honduras, Dipartimento di La Paz, Municipio di Marcala
El Salvador, Dipartimento del Norte de Morazán, Municipio di Perquín.
Italia: Lombardia, comuni aderenti alla convenzione di Agenda 21 Est Ticino

 

DURATA

Dal 1 febbraio 2014 al 31 gennaio 2016

 

CONTESTO

La presente iniziativa, promossa da AIAB (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica) dà continuità al progetto REALSAN il quale ha dato vita ad una rete pilota di cooperazione decentrata sul tema della Sicurezza Alimentare coinvolgendo le numerose Autorità Locali in America Latina e in Europa che avevano aderito al programma PRESANCA (Programa de Seguridad Alimentaria y Nutricional en Centro America). Nell’ambito del processo attivato dalla Rete REALSAN in Centroamerica e nella Provincia di Milano, si intende promuovere buone pratiche a garanzia della sicurezza alimentare e nutrizionale delle popolazioni rafforzando la definizione di strategie e politiche a livello municipale. Particolare attenzione è dedicata alla gestione appropriata delle acque e dei rifiuti solidi (riutilizzabili per scopi agricoli) quali pre-condizioni per preservare la sicurezza alimentare dei cittadini e in particolare  dei bambini tra  0 e 5 anni, vale a dire i soggetti più esposti alla vulnerabilità nutrizionale ed ambientale.
L’ambito del progetto si concentra in Honduras e in El Salvador, nello specifico in due municipi ubicati nella zona transfrontaliera denominata Unità Territoriale Transfrontaliera Lenca (UTTL).
La prossimità delle attività di progetto ai temi di Expo 2015 e di Expo dei Popoli consentirà di strutturare azioni di dialogo e di lobby, anche in maniera trasversale, a livello governativo e a livello della società civile su temi specifici inerenti la sicurezza alimentare.


 

OBIETTIVI

Obiettivi generali:

  • Contribuire alla riduzione della vulnerabilità delle popolazioni più povere del Centro America.
  • Rafforzare il processo di integrazione centroamericana, degli orientamenti regionali e politiche nazionali a favore della Sicurezza Alimentare e Nutrizionale.
  • Sostenere la definizione di politiche sociali ed economiche a livello municipale e l’implementazione di azioni esemplari nel campo della SAN in Italia e in Centro America.

Obiettivo specifico:

Rafforzare le competenze e le capacità degli attori chiave dei due municipi di Marcala (Honduras) e Perquín (El Salvador) riguardo alla tematica della Sicurezza Alimentare e Nutrizionale (SAN), con particolare enfasi nella gestione delle acque e dei rifiuti, pratiche di igiene e abitudini nutrizionali della popolazione e il rafforzamento di sistemi di produzione agricola.


 

ATTIVITà

  • Disposizione accordi, formazione equipe locali.
  • Elaborazione di inchieste, raccolta dati ed elaborazione di piani municipali sull'educazione nutrizionale in Centroamerica.
  • Formazione rivolta agli staff tecnici e ai produttori agricoli vari Municipi coinvolti.
  • Elaborazione di strumenti formativi in Lombardia e in Centro America sui temi diversi, quali nutrizione, igiene, Acqua & Sanitation, rifiuti, sistemi agroalimentari locali.
  • Avvio di azioni pilota in Centro America e capitalizzazione di buone pratiche messe a punto in Lombardia destinate ai tecnici municipali centramericani.
  • Organizzazione di forum territoriali in Lombardia per tecnici, amministratori pubblici e produttori.
  • Attività di sensibilizzazione sull’adozione di modelli produttivi e di consumo sostenibili rivolte alle istituzioni e alla società civile (sia in Centroamerica, sia in Lombardia)
  • Visite di scambio in Italia.
  • Diffusione dei risultati del progetto nell’ambito di EXPO 2015.

 

IMPATTO

Beneficiari diretti:
circa i 37.000 abitanti del Municipio di Marcala (Honduras) e i 3.160 del Municipio di Perquín (El Salvador), tra cui i funzionari dei municipi che saranno protagonisti del processo di formazione, gli studenti delle scuole di frontiera dei due Municipi (Scuola José Trinidad Cabañas di Sabanetas, Marcala, 117 alunni e 301 studenti nella scuola del Caserío Rancho Quemado, El Perquín), ossia i centri scolastici più isolati in termini di copertura del servizio educativo, per un totale di 40.160 persone.

Beneficiari indiretti:
La campagna di sensibilizzazione in Centroamerica raggiungerà circa 80.000 persone.
In Lombardia beneficeranno delle attività di progetto: i rappresentati dei 17 comuni aderenti alla convenzione di Agenda 21 Est Ticino (157.692 abitanti) includendo i funzionari e i 2 tecnici che saranno protagonisti delle attività di scambio di esperienze tra il territorio lombardo e quello centroamericano. A livello provinciale (Milano) le attività del progetto coinvolgeranno altresì gli aderenti alla rete REALSAN - Rete di Autorità e Attori Locali per la Sicurezza Alimentare Nutrizionale (12 soggetti tra il Comune di Milano capofila e i partner del progetto, 18 enti locali e l’Agenda 21 dei Comuni dell’Est Ticino che hanno aderito alla Carta di Intenti).


 

SOSTENIBILITà

Le municipalità coinvolte nel progetto potranno contare su uno strumento tecnico di alto livello di affidabilità derivato dagli studi compiuti sul campo, oltre che di personale qualificato grazie a un processo di formazione continuativo. Le fonti idriche saranno costantemente monitorate grazie ad appositi uffici previsti dal PGRI. Tali uffici, una volta concluso il progetto, verranno istituzionalizzati in modo da garantire la loro operatività in futuro. Inoltre, grazie al processo di formazione, i funzionari avranno assunto le competenze e gli strumenti necessari per elaborare ulteriori progetti, in modo da poter accedere, anche in futuro, a nuovi finanziamenti per il proprio territorio.
Attraverso questa esperienza pilota si vuole contribuire all'istituzione a livello nazionale di modelli efficaci e duraturi di gestione delle risorse idriche.
Infine, grazie alla campagna di sensibilizzazione,  la popolazione prenderà coscienza su temi quali il consumo d'acqua, l'importanza della pianificazione idrica, la necessità di modificare i propri stili di vita di fronte alle priorità individuate, contribuendo in questo modo allo sviluppo di una cultura di prevenzione e conservazione delle risorse idriche.


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:
517.770 €

 

Finanziatore principale:


comune milano

Partner:

  • AIAB - Associazione Italiana Agricoltura Biologia (capofila)
  • ACRA
  • BrianzAcque srl
  • Amsa - Azienda Milanese Servizi Ambientali
  • CEM Ambiente S.p.A
  • ATO MB - Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Monza e Brianza
  • Comune di Milano
  • Agenda 21 Est Ticino
  • FIRAB - Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica
  • Municipalità di Marcala (Honduras)
  • Municipalità di Perquin (El Salvador)
  • PRESANCA II
  • Via Campesina Centro America

 

 

 


 

oltre al progetto


 >>> Scopri i forum organizzati in collaborazione coi Comuni dell'Est Ticino

 


arrow index

UN FOCUS TRASVERSALE

ACRA ritiene che il settore privato possa svolgere un ruolo fondamentale nella cooperazione allo sviluppo. In particolare, l’economia inclusiva e le imprese sociali sono in grado di fornire soluzioni sostenibili ed efficaci per catalizzare molteplici risorse.
ACRA contribuisce a costruire un ecosistema in cui le imprese sociali possono crescere e svilupparsi.