CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Gestione sostenibile del PARCO W

 

ico ambiente internaburgi2 1Migliorare la gestione sostenibile della Riserva della Biosfera Transfrontaliera nella regione di W-Arly-Pendjari a livello locale e nazionale

 

DOVE

Burkina Faso, Provincia della Tapoa (comuni di Diapaga, Botou, Tansarga, Tambaga, Logobou, Partiaga), Provincia della Kompienga (città di Madjoari)

 

 

DURATA

36 mesi (dal 2018)

 

CONTESTO

Il Parco W è un parco transfrontaliero il cui territorio si divide tra Burkina Faso, Niger, Benin e Nigeria e costituisce un grande patrimonio faunistico e paesaggistico (riconosciuto anche dall’UNESCO). L’obiettivo di questo progetto è quello di proteggere questo inestimabile patrimonio, cercando al contempo di supportare le esigenze delle popolazioni che risiedono nella periferia del Parco. Viene promosso, quindi, uno sviluppo economico sostenibile e partecipativo in cui la produzione biologica e le filiere di valore aggiunto selezionate (prodotti forestali non legnosi, apicoltura, soia, sesamo) hanno un ruolo preminente. In questo modo, non solo la popolazione avrà un reddito supplementare a disposizione, ma sarà anche la principale protagonista della gestione sostenibile del Parco ai margini del quale vive, contribuendo a proteggerlo al meglio nei confronti delle sfide del cambiamento climatico.


 

OBIETTIVI

Obiettivo generale:

  • Promuovere uno sviluppo economico endogeno, sostenibile e inclusivo, rispondendo alle sfide del cambiamento climatico.

Obiettivo specifico:

  • Rafforzare la conservazione e la gestione sostenibile dei parchi nazionali e degli ecosistemi fragili della regione W-Arly-Pendjari


 

ATTIVITà

  • Organizzazione dei produttori e delle altre persone implicate nella catena di valore di 4 filiere (prodotti forestali non legnosi, apicoltura, soia, sesamo).
  • Rafforzamento delle capacità tecniche e organizzative degli attori delle 4 filiere.
  • Attrezzare i produttori per rafforzare la catena di valore delle 4 filiere.
  • Promozione del ruolo della donna nelle attività legate alla valorizzazione dei prodotti delle 4 filiere selezionate. 
  • Attuazione di un Programma di Educazione Ambientale nelle scuole dei comuni coinvolti.
  • Attività di sensibilizzazione della popolazione sulle tematiche ambientali attraverso una campagna via radio e l'uso dei social network. 
  • Supporto alla commercializzazione e al follow-up delle 4 filiere con l’applicazione delle Nuove Tecnologie per l’Informazione e la Comunicazione (NTIC)
  • Supporto all’elaborazione e alla formalizzazione di Convenzioni di co-gestione e sostegno alla gestione delle aree di conservazione comunitarie. 
  • Promozione della produzione biologica e miglioramento della sicurezza alimentare e della nutrizione delle popolazioni.
  • Recupero e riabilitazione di terre degradate.

 


 

IMPATTO

Beneficiari diretti:

Attività di educazione ambientale: gli alunni delle scuole primarie dei 7 comuni coinvolti, i loro insegnanti, i direttori delle scuole stesse e le Direzioni Provinciali dell’Educazione e dell’Ambiente; inoltre, verranno raggiunte 50.000 persone grazie alla campagna di sensibilizzazione radio.
Attività di rafforzamento delle 4 filiere produttive: i produttori e i trasformatori di karité e baobab, i commercianti, gli apicoltori, i vivaisti e i falegnami.
Un focus trasversale è dedicato alle donne che fanno parte di gruppi femminili delle 4 filiere su cui si concentra il progetto.

Beneficiari indiretti: la popolazione dei 7 comuni nei Parchi W e Arly.


 

IL PROGETTO IN SINTESI

Valore complessivo:


1a fase: 209.423 €
2a fase: 1.004.666 €

Finanziatore principale:

GIZ slow

ue itaeif

Capofila:

ACRA

 

Altri enti coinvolti:

UPPM/T (Union Provinciale des Producteurs de Miel de la Tapoa)

Direzione Provinciale dell’educazione e dell’ambiente della Provincia della Tapoa e della Provincia della Kompienga

 

 

 

 

oltre al progetto


 


arrow index

UN FOCUS TRASVERSALE

ACRA ritiene che il settore privato possa svolgere un ruolo fondamentale nella cooperazione allo sviluppo. In particolare, l’economia inclusiva e le imprese sociali sono in grado di fornire soluzioni sostenibili ed efficaci per catalizzare molteplici risorse.
ACRA contribuisce a costruire un ecosistema in cui le imprese sociali possono crescere e svilupparsi.